Blog: http://cercocasa.ilcannocchiale.it

Adozione del cuore/Diamo una speranza a Beethoven, il ciccione buono che morirà se resta in canile (adottabile tutta Italia, serve anche adozione a distanza per cibo speciale e cure)

CONTATTARE: Loredana tel. 3936095360,
cuoredicane@gmail.com




L'APPELLO CHE LEGGETE IN CALCE RISALE ALLA FINE DI LUGLIO.
NEL FRATTEMPO BEETHOVEN E' ANCORA IN CANILE,
E NONOSTANTE TANTI VOLONTARI ABBIANO VOLUTO DIMOSTRARGLI AFFETTO
NEL MOMENTO IN CUI MESI FA STAVA MALE, NESSUNO DI NOI E' RIUSCITO ANCORA
A DARGLI UNA SPERANZA DEFINITIVA AFFINCHE', NEI SUOI ULTIMI ANNI,
POSSA CONOSCERE IL BENESSERE DI UNA CASA E GODERE ANCHE
DELLE CONSEGUENTI RIPERCUSSIONI POSITIVE SULLA SUA SALUTE.
PER FAVORE FACCIAMO UN ULTERIORE SFORZO, VINCIAMO ANCHE
QUESTA ALTRA PICCOLA GRANDE SFIDA PER IL FACCIONE DI BEETHOVEN,
CHE RAPPRESENTI UNA SPERANZA DI LIETO FINE ANCHE PER TANTI ALTRI
CANI ANZIANI CHE RISCHIANO DI FINIRE I PROPRI GIORNI SENZA AVERE MAI
AVUTO IL BENE DI UNA CASA E IL CALORE DI UN COMPAGNO UMANO TUTTO PER LORO.




Beethoven è sempre in canile. Nonostante le tante persone che si erano interessate
alla sua salute, ora tutto tace. Nessuna richiesta di adottarlo, nessuna speranza per lui
di assaporare per qualche – speriamo – anno, cosa voglia dire avere un padrone e una casa.
E oltre a questo, nessuno ricorda più che Beethoven ha bisogno di cibo speciale e cure,
che il rifugio non può permettersi. Ogni aiuto per lui ha smesso di arrivare da tempo.
Perciò sono obbligata a rinnovare l’appello:
Beethoven, incrocio San Bernardo di 9 anni circa, affetto da leishmania
e altri acciacchi dovuti all’età e alla vita che ha fatto, è un cane buonissimo e speciale,
un tesoro prezioso che vi darà più di quanto darete a lui.
Aiutatelo, un altro inverno al rifugio potrebbe essere un grave problema.
Per info e adozione cuoredicane@gmail.com tel 3936095360
Grazie a tutti per il passaparola
Loredana



Appello luglio 2008

Molti di voi lo scorso inverno hanno seguito le vicissitudini di Beethoven,
che rischiava la cancrena alla zampa e la setticemia, e che grazie alla generosità
e all´aiuto di tantissime persone è riuscito a cavarsela e a tornare in discreta salute,
nonostante la perdita di due falangi alla zampa posteriore sinistra.
Molti sanno anche che Beethoven - dopo mesi di degenza in clinica -
è rientrato in canile dove, per quanto riceva tutte le cure che necessita,
avevamo detto che non sarebbe dovuto rimanere, a rischio di nuovo della sua salute.
Ed eccoci di nuovo... 
Beethoven sta male. E´ molto depresso, forse perché Laika -
la cagnolina che divide con lui il recinto -  lo tormenta e gli morde le orecchie;
così lui ha deciso di starsene il più possibile nella cuccia.. sarà forse anche il caldo, non lo so.
Ma ieri, 26 luglio, entrando nel recinto per dargli un bocconcino Sonia si è accorta
che Beto la guardava sofferente e non si alzava per andarle incontro.
Lei gli ha attaccato un guinzaglio per farlo camminare un po´ ed ha visto
che zoppica di nuovo, la zampa si è un po´ gonfiata di nuovo...
Beethoven sta dimostrando che non può più farcela se rimane in canile.
Eccomi quindi di nuovo ad implorare.. ci vuole una casa per Beethoven,
il ciccione dall´enorme testa, con gli occhi più buoni ed espressivi del mondo.

Molti sono venuti a conoscerlo e sanno di quel che parlo quando dico
che è un cane eccezionale, che conquisterebbe qualsiasi cuore.




Vi ricordo che Beethoven è un incrocio San Bernardo, di circa 8 o 9 anni.
Ha la leishmania, finora curata e tenuta sotto controllo, e cammina in modo strano
per via di un vecchio incidente, o delle bastonate, che hanno causato
delle fratture poi saldatesi male.
Non avrei mai voluto dire o pensare una cosa del genere, ma Beethoven
si avvicina velocemente alla fine della sua vita, e non ha mai conosciuto una famiglia...
Io non posso pensare al rifugio senza di lui, alla nostra vita senza di lui.
Senza quel faccione che ti guarda speranzoso di coccole e golosità,
senza il suo sorriso di quando è felice, che è contagioso e ti riempie il cuore di gioia.
Ma mi separerei da lui e lo porterei ovunque, se potessi regalargli finalmente una vera casa.
Per favore, fate un ultimo sforzo ed aiutatemi a trovare una casa per Beethoven.
Loredana 


Appello aprile 2008
BEETHOVEN E' TORNATO IN CANILE - ROMA
Beethoven questo pomeriggio è stato riportato al rifugio.
Il grassone sembra molto felice, ha cominciato persino a fare delle piccole corse,
non ce la faceva più a stare rinchiuso in una stanzetta della clinica.
Ci è rimasto 3 mesi, ma non ha perso la sua carica travolgente e il buon umore:
Beethoven è un cane solare, nonostante tutto quello che ha passato in vita sua.
Il problema è che in canile la situazione man mano ritornerà ad essere la stessa
che ha causato questo inverno il suo crollo: non può uscire per fare movimento
(e ricomincerà a stare sdraiato tutto il giorno, con i conseguenti problemi di stasi,
atrofia, piaghe da decubito), e non può essere nutrito con il cibo "light" che il suo fegato
(e la sua grassezza) richiederebbe. 
Cosa serve a Beethoven? Ovviamente un'adozione.
E in ogni caso ci vorrebbe qualcuno che potesse fargli fare una passeggiata
tutti giorni o almeno un paio di volte a settimana,
(e in canile non ci sono volontari),
e qualcuno che ogni tanto regali qualche sacco del cibo che dovrebbe mangiare
perché l'anziana signora che gestisce il rifugio non se lo può permettere.


Solo ad affidabili e disposti alla firma dei documenti d'adozione
ed a controlli pre e post affido.

CONTATTARE: Loredana tel. 3936095360,
cuoredicane@gmail.com

Pubblicato il 17/9/2008 alle 21.0 nella rubrica Adozioni del cuore: anziani.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web